Am Turme – Annette von Droste

Stavo su un alto balcone di una torre,
Abbracciata da storni urlanti,
E lascio come una baccante che la tempesta
Mi frughi nei capelli ondeggianti;
Oh selvaggio compagno, oh grandioso giovane,
Ti vorrei avvolgere con forza,
E, corpo a corpo, due passi dall’orlo
Combattere poi tra la vita e la morte.

E laggiù vedo sulla spiaggia, così vivaci
Come alani che giocano, le onde
Si muovono intorno con abbai,
E splendenti creano fiocchi.
Io vorrei saltare dentro il più presto possibile,
Proprio nella scatenata muta,
E cacciare attraverso la barriera corallina
Il tricheco, la divertente preda!

E dall’altra parte vedo ondeggiare una banderuola
Spigliata così come uno stendardo,
Vedo il corpo della nave girarsi su e giù,
Dalla mia posizione di guardia nell’aria;
Mi vorrei sedere su una nave che combatte,
Afferrare il timone,
E ruggendo costeggiare le scogliere infrante
Come un gabbiano.

Fossi un cacciatore in campo aperto,
Solo un pezzo di soldato,
Fossi almeno un uomo,
Sarei favorita dagli dei;
Ora mi devo sedere brava e buona,
Come una brava bambina,
E devo sciogliere segretamente i capelli,
E lasciarli ondeggiare al vento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*